News

Incontro con Viola Di Grado

Incontro con Viola Di Grado

Archivio eventi

Giovedì 28 marzo
Corso Sicilia 91, ore 17,30

Leggerà alcuni brani del suo nuovo libro
Cuore cavo
edizioni e/o

Presenta Luigi La Rosa

cuore-cavoIn un romanzo coraggioso e sorretto da una scrittura formidabile per originalità e poesia, Viola Di Grado racconta la storia di un suicidio e di ciò che lo segue. Una folgorante invenzione della vita dopo la morte: la nostalgia, l’amore, la frequentazione “fantasmatica” delle persone care, la solitudine e l’incomunicabilità, in un aldilà cupo e ribollente, senza pelle e senza sensi, dominato da una natura crudele, che sfalda i corpi, ma anche da una vita ostinata che a questa morte si sottrae. Si rimane seriamente scossi da questa lettura, in cui Di Grado conferma appieno la sua unicità.
Un romanzo che fa paura: la disgregazione dei corpi, la  sopravvivenza dell’“anima”, la tristezza e il rimpianto per la vita che non riesce a ricomporsi ma continua a incedere e spiare, vagando in un mondo deserto ma affollato, dove i vivi non possono più vederti e sentirti ma i morti restano all’erta, impauriti, in ascolto. Un romanzo sulla morte e sulla “vita-dopo-la-morte” innovativo e conturbante, la conferma evidente di uno dei maggiori talenti della narrativa di questi anni.
Viola Di Grado ha venticinque anni. È nata a Catania e ha studiato lingue e filosofie
dell’Asia orientale a Torino e Londra. Il suo primo romanzo, Settanta acrilico trenta lana,
libro-rivelazione del 2011, è stato premiato con il Campiello Opera Prima e il Rapallo Carige
Opera Prima ed è stato già tradotto in otto paesi.